Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Gli Errori degli Scrittori: 4- LA SIMMETRIA

Arriviamo con questo quarto punto a un qualcosa che io personalmente adoro nella narrazione: la simmetria.

Io quando vedo una simmetria ben fatta, vado in brodo di giuggiole e non capisco più niente.

La simmetria perfetta ovviamente la racchiudono i grandi personaggi della letteratura.
Achille e Ulisse ad esempio, che sono due personaggi identici e contrari. Uno istinto primordiale, non umano, al di là delle logiche umane, e uno raziocinio, fin troppo umano e pura logica. Ma Achille è soprattutto simmetrico con Patroclo. Perché per ogni personaggio fuori dalla logica umana ci deve essere un personaggio accanto che lo riporta coi piedi per terra. Infatti Achab e Sarbuck in “Moby Dick” compiono a distanza di secoli lo stesso discorso. E sono la ragione per cui Moby Dick è un’opera eccezionale.

Una cosa che penso è che ogni personaggio di un racconto è doppleganger dell’autore stesso, che alla maniera di David Bowie con le sue maschere diventa uno nessuno e centomila. Perciò quando un personaggio rappresenta un qualcosa, come nel caso di Peter Pan il non voler crescere, ci deve essere dall’altra parte un personaggio che rappresenta ciò che lui non è, come Capitan Uncino e il non voler morire. Ma anche uno che rappresenti ciò che lui non è in chiave positiva, come Wendy. Per questo quel testo è tanto perfetto.

Anche libri mediocrissimi riescono a salvarsi grazie a una buona simmetria.

La saga di “Twilight” ha potuto campare per quattro libri grazie a una simmetria perfetta come quella tra Jacob e Edward. Quella tra licantropo, figura legata folkloristicamente parlando alla vita e alla natura, contrapposta al vampiro legato al buio e alla morte. L’uomo caldo che ti sta sempre addosso, geloso, che potrebbe anche sfigurarti (come fa Sam con Emily) contrapposto a quello freddo che non sembra desiderarti fisicamente, decadente e intelligente. Una simmetria davvero mal sfruttata, ogni volta che ci ripenso mi dico “che peccato!”.

“Persone Normali” di Sally Rooney aveva una grande forza in questo. Sapeva ribaltare le situazioni. Proponeva due soli personaggi ovviamente simmetrici, una ragazza impopolare di buona famiglia e un ragazzo popolare di pessima famiglia. Poi nel corso della storia le situazioni si ribaltavano, bilanciando tutto alla perfezione. La grande forza di un romanzo così semplice è stata proprio quella simmetria perfetta e quella asimmetria perfetta.

La saga di “Harry Potter” aveva costruito una grande simmetria tra Harry e il suo nemico Lord Voldemort. Entrambi orfani maltrattati, entrambi esuli politici che si nascondono nel welfare che nel mondo magico funziona. Harry è un personaggio caldo, rabbioso spesso, amorevole ed empatico, mentre Voldemort è freddo e anaffettivo. Le loro madri sono speculari, una amata dalla famiglia in quanto strega, forte e indipendente, l’altra rifiutata dalla famiglia in quanto considerata maganò, debole e anche instabile mentalmente. Tra le simmetrie minori della stessa saga abbiamo quella meravigliosa tra Hermione e Luna. Due personaggi opposti e contrari, una razionale, insicura e coi piedi per terra laddove l’altra è irrazionale, sicura e fluttua a mezz’aria con l’espressione di perenne sorpresa. Tuttavia la Rowling con Harry Potter sbagliò una simmetria clamorosa, ovvero quella con Draco Malfoy. Non è un caso se la sua simmetria con Harry, quella di nemico codardo, sia stata interpretata dai fan come qualcosa di involontariamente romantico. Quella storia come storia romantica funzionava davvero bene, anche per via del fatto che la storia romantica principale con Ginny non funzionava così bene. Perché con Ginny non funzionava la simmetria.
Altro esempio eclatante di Shadow and Bone di simmetria sbagliata è quella tra Darlking e Alina. Il buio e la luce che creano una coppia perfetta. Ma mal sfruttata. Il triangolo di Twilight si ripropone, ma senza saper inserire un secondo Mal, davvero efficace. Forse per questo la coppia preferita è diventata Darklina, perché la loro simmetria funzionava meglio.

La trilogia di “Captive Prince” fa della sua forza la simmetria tra i protagonisti. Simmetria necessaria per costruire il romance, secondo me, che spiega anche il grande successo di Sarah J. Maas che sa indubbiamente gestire le simmetrie.

Vedi la coppia Nesta e Cassian, dove una donna fredda, cattiva, algida incontra un uomo caldo, alla mano e fondamentalmente bonaccione.
Tornando a Captive Prince, la simmetria è costruita magistralmente tra i due protagonisti. Anche qui abbiamo il caldo e il freddo. L’istintivo e il celebrale. Anche cromaticamente e fisicamente sono speculari, opposti e contrari.

Un maestro di simmetrie era il buon vecchio George R.R. Martin nei primi libri, dove tutti i suoi personaggi erano speculari. I fratelli Stark Robb e Jon, uno legittimo l’altro bastardo, opposti e contrari, profondamente legati. Arya e Sansa ovviamente, che si rafforzavano a vicenda e che con la lontananza hanno perso tutto. Ma anche gli amici Robert e Ned, e ancora le madri opposte Catelyn e Cersei. Jaime è genialmente speculare a Ned e a suo fratello Tyrion e per questo è un personaggio così forte. Anche se devo dire che la mia simmetria preferita è quella tra Cersei e Brienne. Una cattiva quanto bellissima, l’altra buona quanto brutta. La scelta geniale di Martin è stata quella di associarle entrambe allo stesso potente personaggio di Jaime per mostrare come la loro influenza su di lui sia diversa. Quando Martin ha perso questa capacità di tratteggiare simmetrie, secondo me nei libri quattro e cinque, si è perso tra i suoi stessi personaggi.
Perché?
Perché la simmetria serve a rendere una storia bilanciata e coerente. E’ la scialuppa di salvataggio quando la trama annaspa e rischia di perdersi.

Credo che il suggerimento che posso fare per gli scrittori è quello di cercare le simmetrie nei testi che leggiamo e prendere da loro il meglio.

Perché quando un autore sbaglia una simmetria, allora sono guai.

17 risposte a “Gli Errori degli Scrittori: 4- LA SIMMETRIA”

  1. Articolo molto acuto e pieno di riflessioni interessanti. Anche nel film “Le ragazze di Wall Street” c’è una certa simmetria tra la protagonista e la sua mentore, interpretata da Jennifer Lopez: hai visto il film in questione?

    Piace a 1 persona

    1. Sì, credo che fosse l’unica cosa a funzionare del film la loro costruzione.

      "Mi piace"

      1. Ora che ci penso anche in quest’altro film Jennifer Lopez aveva un personaggio (in questo caso maschile) a farle da nemesi: https://wwayne.wordpress.com/2022/09/16/una-scelta-difficile/

        Piace a 1 persona

      2. (Nemesi nel senso di suo opposto, non nel senso di nemico)

        "Mi piace"

  2. Che bello questo articolo. Sono d’accordo su tutto e pure io adoro i personaggi con delle simili nelle loro differenze e li metto sempre all’interno dei miei romanzi. Quelli dell’ultimo che ho scritto sono i miei preferiti in assoluto: due ragazzi che per motivi diversi sono stati emarginati tutta la vita ma lui è spavaldo e sicuro di sé, mentre lei è timidissima e insicura e lui la aiuta ad acquistare fiducia in sé. Lei lo riporta con i piedi per terra quando esagera – tende a essere abbastanza melodrammatico- perché proviene da un ambiente molto legato all’arte ed è sempre stato al centro della scena. Io sono molto affezionata a loro ❤️ comunque mi rendo conto che a tanti fan sia piaciuta da morire la Darklina ma allo stesso tempo è una coppia estremamente problematica anche perché lui in realtà ha rovinato la vita un po’ a tutti. Il parallelismo ci sta e lo capisco, ma la coppia in sé non mi piace affatto. Alla fine mi allineo a chi dice che Alina non aveva bisogno di nessuno, ma non sono d’accordo con tutto l’odio che Mal riceve dal fandom che è veramente esagerato

    Piace a 1 persona

    1. Il tuo romanzo sulla carta sembra molto interessante e lo leggerei volentieri.

      Quanto Alina e Darkling, io effettivamente avrei lasciato Mal morto e il Darkling pure.

      Piace a 1 persona

      1. Anche perché dai, voglio bene a Nikolai ma non avrebbe mai funzionato con lui secondo me a conti fatti. Era interessato a lei solo per il suo potere, era logico. Ma si può considerare simmetria anche quella tra Piton e James Potter? Perché io penso che possa valere anche per loro un ragionamento del genere: James faceva un po’ il bulletto ma alla fine è maturato ed ha preso parte all’Ordine della Fenice invece l’altro è diventato Mangiamorte e già a scuola torturava studenti con gli altri futuri compagni di squadra. Uno alla fine si è guadagnato l’amore e il rispetto di Lily, l’altro si è ossessionato con lei dopo che l’ha offesa. Secondo me in Harry Potter sono tantissime le simmetrie tra personaggi. Anche gli stessi James e Sirius sono due ragazzi di famiglia ricca ma uno è amato dai genitori mentre l’altro è costretto a fuggire e viene diseredato. Non so se possa essere valido lo stesso come ragionamento ma me l’hai fatto venire in mente con quella simmetria

        Piace a 1 persona

      2. Sì Harry Potter è pieno di queste chicche, che secondo me funzionano e rendono i personaggi tanto interessanti. Sicuramente James e Piton lo sono forse anche più di James e Sirius.

        Piace a 1 persona

      3. Per il mio fantasy eh, conta che ne ho scritti altri due prima – un contemporary a tema autismo e un altro fantasy basato sulla filosofia presocratica con un po’ di filosofia nietzschiana – e devo ancora trovare il coraggio di proporre questi quindi ci vorrà un sacco di tempo per l’ultimo arrivato. Comunque grazie del complimento ❤️

        Piace a 1 persona

      4. Ma sicuramente messo così mette curiosità

        Piace a 1 persona

  3. no non ho capito la cosa Harry-Draco
    me la spieghi meglio? 😛

    Piace a 1 persona

    1. Secondo me hanno la classica simmetria perfetta per una coppia romantica. Sono nemici, sono diversi cromaticamente, uno biondo con gli occhi grigi l’altro moro con occhi verdi. Ricalca le simmetrie da faniction tipiche, uno più maschio alpha l’altro più beta. Poi sono complementari, appartenenti a due case complementari, uno coraggioso l’altro codardo. In più nel sesto libro quando vengono chiamati entrambi a compiere un destino più grande di loro, reagiscono diversamente e lo stesso compito è diverso.

      Harry e Ginny sono una coppia che invece non funziona perché sono entrambi simili, Ginny non è ben delineata coraggiosa, non c’è conflitto per una storia romantica. Ecco questo succede perché la simmetria con Draco è costruita meglio.

      "Mi piace"

  4. Mi piace molto questa “saga” che stai portando avanti, complimenti! 🙂

    In merito al discorso “simmetria”, da quello che sto studiando, ogni Eroe alla fine del suo Viaggio deve essere una persona nuova, cresciuta.
    Quello che dovrebbe fare è “assorbire” dentro di sé i vari personaggi che incontra lungo il suo percorso (il Mentore, l’Alleato, il Nemico, il Trickster, l’Amante, l’Ombra,…).
    E’ come se ogni incontro fosse una crescita e alla fine l’Eroe raggiunge una completezza.

    La simmetria è l’equilibrio tra gli opposti…in un certo senso quella completezza.

    Harry accetta il Voldemort che era dentro di lui e nel momento in cui riesce a farlo, riesce anche a liberarsene.
    Non è questo quello che capita anche a noi?
    Nel momento in cui accetto di essere ANCHE quel certo personaggio, lo assorbo dentro di me e posso “liberarmene”

    Piace a 1 persona

    1. Sono d’accordo, infatti ritengo che una gamma di personaggi siano tutti spettri dello stesso autore. Evangelion per me è l’opera più significativa in quanto a quella costruzione di personaggi.

      Piace a 1 persona

  5. In quest’articolo ho potuto leggere il tuo amore per la simmetria tra i personaggi. È stato veramente piacevole e il testo scorreva meravigliosamente. Inoltre hai portato avanti degli esempi davvero calzanti per comprendere bene l’argomento. Ottimo lavoro!

    Piace a 1 persona

    1. Grazie mille! Ovviamente se hai anche tue esempi scrivi pure!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: