Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Gli Errori degli Scrittori: 10-L’ASSENZA

Uno dei miei film preferiti è “Il Grande Freddo” di Lawrence Kasdan che tra le altre cose è stato anche sceneggiatore del più bel film di Guerre Stellari mai girato, ossia “L’Impero Colpisce Ancora”. Tuttavia “Il Grande Freddo” non è fantastico, è realistico. Parla di un gruppo di amici che si rivedono in seguito al suicidio di un loro comune amico: Alex.

La scrittura di quel film è una cosa fenomenale perché il personaggio che non appare mai, appunto Alex che è morto prima dell’inizio, è scritto. Ed è scritto bene, molto bene. Viene delineato attraverso le parole degli amici e verso il personale legame che aveva con ognuno di loro.
Ecco.
Questo miracolo di scrittura è la grande capacità di gestire un’assenza.
Un personaggio che è assente.

Tantissimi personaggi vivono la gran parte del romanzo in assenza. E allora quello spazio in cui non compaiono, va compensato dagli altri personaggi. Da quello che dicono e pensano su di loro, anche facendo capire che il pensiero altrui è comunque un filtro. Il rischio è sempre quello dell’idealizzazione che è il veleno per un personaggio.

La più grande assenza che mi viene in mente scritta in un fantasy è quella di James Potter. Il padre di Harry Potter. Che muore prima dell’inizio della storia, e muore da eroe. Viene descritto da tutti i suoi amici come un eroe, fino a quando la Rowling non spariglia le carte e ci mostra un lato di lui davvero problematico.
Entrando in un ricordo altrui, attraverso la magia, Harry stesso vede suo padre in veste di bullo che se la prende con la vittima alla quale appartiene il ricordo. La prospettiva dunque è rovesciata. Uno dei grandi temi stessi di Harry Potter oltre alle scelte e alla deriva autoritaria del governo del resto rimane la conoscenza degli adulti che è fatta a più riprese. La conoscenza dei propri genitori che in realtà erano altre persone prima di averci. I morti idealizzati che si dimostrano qualcuno di diverso.
Tuo padre che si rivela in un età molto specifica come l’adolescenza, come qualcuno che non ti piace.

L’assenza è questo. Gestire ciò che non c’è. Qualcuno che non ha corpo, aspetto o voce. Attraverso le voci di altri personaggi, i filtri con cui lo giudicavano quelle persone. Come nel caso di James che è sempre stato descritto come eroe dai suoi amici che gli volevano bene e che erano anche suoi complici negli atti di bullismo.

Un grande maestro di assenze era George R.R. Martin che ti descriveva personaggi che non c’erano più. Rhaegar Targaryen è stato definito caratterialmente pur non comparendo mai, in maniera che risulti somigliante a suo figlio Jon Snow, davvero bene. Anche se poi andando avanti con la saga Martin ha perso questa sua capacità diventando troppo ridondante e descrittivo. Non sa lavorare più con il detto e il non detto.

Spesso nei fantasy il cliché dei genitori morti provoca tanto potenziale per personaggi scritti in assenza, mal gestiti però in esecuzione. Come se questi personaggi non meritassero una scrittura, nonostante la loro importanza nell’evoluzione del protagonista.
Per esempio in “Nevernight” dove è centrale il rapporto col padre putativo e con quello biologico. In quella saga si scopre che Darius Corvere non era il vero padre della protagonista Mia ma in realtà il padre è il suo più acerrimo nemico Julius Scaeva. La scontatezza della rivelazione viene oscurata dalla superficialità con cui una bomba simile viene sganciata. Cioè Luke Skywalker mette in dubbio tutta la sua esistenza con un urlo in Guerre Stellari quando scopre che Darth Vader è suo padre. L’introspezione dovrebbe essere più facile in un mezzo scritto come un romanzo, perché non mi fa provare un decimo di un’immagine audiovisiva? Già che copi Guerre stellari, almeno impara qualcosa da quella saga che al di là del lato visivo ha una scrittura dietro magistrale.

A parte questa mia divagazione, è l’assenza del padre di Mia, che doveva essere centrale, a essere gestita male. Darius Corvere doveva essere il cuore della storia ma mettendo insieme i pezzo il personaggio non è ben delineato. Se la rivelazione sulla sua vera identità che Mia ha idealizzato non è forte, crolla tutto il castello di carte. Perché ancora una volta la protagonista non viene veramente messa in discussione. La debolezza ideologica di Nevernight sta tutta lì, in un centro che non è motore.

Moltissimi personaggi in letteratura non compaiono mai davvero. Sono presenze che galleggiano imponenti delimitati solo da ciò che non c’è.
C’è un prima o un dopo l’essere visti.

Moby Dick appare solo alla fine del romanzo davvero, eppure la sua assenza è talmente forte da sembrare presenza.
Jay Gatsby del Grande Gatsby è un personaggio delineato meglio in assenza che in presenza.
Tutto il suo mistero, le sue vere azioni, sono descritte prima di vederlo comparire in scena.

Questo succede perché devi essere davvero bravo per gestire un’assenza. L’assenza stabilisce un’abilità invidiabile.

E’ uno dei livelli di difficoltà di scrittura più elevati.

13 risposte a “Gli Errori degli Scrittori: 10-L’ASSENZA”

  1. L’anno prima de “Il grande freddo” uscì quest’altro capolavoro:

    L’hai visto?

    Piace a 1 persona

    1. no mi spiace non lo conosco

      "Mi piace"

      1. Allora sono onorato di avertelo fatto scoprire. Grazie per la risposta! 🙂

        Piace a 1 persona

      2. Grazie per la segnalazione!

        "Mi piace"

  2. Grande anche la colonna sonora, nostalgica a sottolineare ciò che fu. regia magistrale, gioca molto nel creare atmosfere soffuse, colloquiali, lentezze sospese.

    Piace a 1 persona

    1. ma guarda io adoro poi il lavoro di scrittura che c’è dietro

      Piace a 1 persona

  3. L’assenza/presenza di un personaggio fondamentale di una storia, a mio avviso rende la storia migliore, perché crea una situazione di “attesa” o di “immaginazione” nel lettore, che porta a far crescere la curiosità nel lettore stesso.

    Piace a 1 persona

  4. Lo stesso avviene per i luoghi in tanti libri e film. Posti che non si vedono, che sono irraggiungibili, che non esistono più o che non sono mai esistiti…

    Piace a 1 persona

  5. Il problema però è che molti lettori moderni non sono in grado di gestire un’assenza, siamo ormai talmente abituati a sequel, prequel, spin off e simili furberie commerciali che non riusciamo a tollerare di non sapere tutto di un prodotto narrativo. Se Le iene di Tarantino (dove l’assenza non è quella di un personaggio, ma dell’azione stessa che è il motore dell’intera storia) uscisse oggi, probabilmente sei mesi dopo avremmo Le iene 2 dove si vede la sua pianificazione e messa in atto.

    Piace a 1 persona

    1. Ma io credo quello rientri anche nell’errore del potenziale. Certi personaggi sono interessanti, certe sequel sono interessanti, altri invece tolgono il mistero a un personaggio che magari poggiava sul mistero.

      "Mi piace"

  6. Molto interessante. È un lavoro non semplice perché il personaggio in questione non potrà mai raccontare la sua versione dei fatti – a meno che non sia un fantasy e lui ritorna sottoforma di fantasma o in un romanzo di narrativa viene ritrovato un diario o qualcosa di suo che racconta la sua storia – quindi ognuno lo ricorderà a modo suo sia in positivo che in negativo. Magari anche in questo caso ci sarà il rischio che venga idealizzato, non tanto dallo scrittore stesso ma quanto di chi lo conosce e ha solo ricordi positivi su di lui. Non è facile essere imparziali. Penso che sia davvero difficile gestire un personaggio del genere che, per sua natura, non ha fisicità

    Piace a 1 persona

    1. Secondo me l’esempio rowling è perfetto perché James muore da eroe e perché glie ne parlano sempre gli amici, era idealizzato ma la rowling ha mostrato un lato di lui odioso che era stato anche anticipato da alcune frasi che nascondevano quella verità.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: