Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Gli Errori degli Scrittori: 8-IL TEMPO

Ci sono pochi libri che amo quanto amo “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi. Un testo magnifico, perfetto e produttivo come poche cose.

Ve lo ricordate tutti immagino Pinocchio.
Come inizia?
Con un pezzo di legno.
Come finisce?
Con un bambino vero.
Perché?
Perché in mezzo c’è stato un libro.

E’ trascorso del tempo, il personaggio parte da un punto A e arriva a un punto B.
In una storia è la cosa più importante se si sceglie di compiere un viaggio, far sentire al lettore quanto le cose progressivamente siano cambiate.

C’è stato un libro tra il personaggio che c’era all’inizio e quello che vediamo alla fine.

Il tempo non si gestisce semplicemente con analessi e prolessi, con tagli e salti in avanti in una narrazione.

Il tempo non mi devi semplicemente dire che è passato. Devo sentire che è passato. Devo vedere che i personaggi soprattutto non sono più gli stessi.

Non c’è più un ciocco di legno, c’è un bambino vero. In mezzo il burattino che scappa per tutto il libro.

Per questo faccio sempre tanti complimenti a Harry Potter, perché gli anni della crescita sono i più difficili da rendere. Perché ha anni da far passare tra l’Harry undicenne e quello diciassettenne. E noi riusciamo a sentirli anche se non ci ripete continuamente una voce che il tempo passa. Cosa invece non è riuscita per niente a Percy Jackson secondo me in cui i personaggi erano piatti per cinque libri e rimanevano piatti. La crescita non la si vedeva.

“Il Signore degli Anelli” è proprio fuori scala in quanto a questo. C’è un Frodo prima del viaggio e uno dopo il viaggio che nemmeno sembrano essere la stessa persona. Un bambino che esce dal cogito e si ritrova gettato in una guerra che non vince pur vincendola. Non a caso è un capolavoro come saga, anche se a me personalmente non piace.

Per questo mi lamento tanto del “Circo della Notte”. Perché è una storia che si basa su salti temporali, passano anni e la gente nemmeno se ne renderebbe conto se non ci fosse scritta la data a inizio di ogni capitolo. Non mi importa della data io devo capire che è passato del tempo anche indipendentemente da quella. Ma come faccio se i due insulsi protagonisti rimangono identici dall’inizio alla fine del libro? C’è una storia in mezzo e sembra non esserci stata. La Celia dell’inizio è uguale alla Celia della fine.

Va anche detto che per cambiare personalità occorrerebbe averne una.

Nei romanzi di formazione in particolare il tempo è una valuta fondamentale. Perché senza cambiamento, senza maturazione, non hanno senso di esistere semplicemente.

La cosa che più mi dispiace è che se guardo ai libri letti di recente, scritti specialmente per un pubblico giovane, questo cambiamento non lo sento.

Secondo me uno dei grandissimi limiti di Leigh Bardugo nella Dilogia di Nikolai è stata l’incapacità di gestire un salto temporale notevole. Perché i personaggi dopo quattro anni erano gli stessi identici rispetto a come li avevamo lasciati. Non si sente che è passato del tempo sulla loro personalità. Ancora più grave è il fatto che a fine dilogia sono identici a come erano all’inizio. E’ un errore bello e buono che non mi aspettavo dalla stessa autrice che in Sei Di Corvi compiva un lavoro sui flashback davvero magistrale.

Il tempo va saputo gestire, insisto sempre che uno scrittore non debba perdere tempo.
“La Memoria di Babel” della saga dell’Attraversaspecchi in questo è un esempio di errore, perché parla di un personaggio bloccato nella crescita. E’ coerente che Ofelia rimanga bloccata per tutto il libro, uguale a sé stessa. E’ coerente che non sia cambiata per niente nonostante l’ellissi temporale.
Però poi il personaggi si sblocca e rimane uguale.
Ecco l’errore temporale.

Ed ecco perché ho apprezzato tanto romanzi come “Malena Senza Sonno” e “La Fiamma Azzurra”. Perché in entrambi c’è un personaggio centrale che parte da un punto e dopo un romanzo è diverso. Non è più lo stesso personaggio.

In “Malena Senza Sonno” la protagonista elabora un trauma personale e tutta la sua costruzione la porta a superarlo. La donna che c’è nella prima pagina non è la donna che c’è nell’ultima.
Nella “Fiamma Azzurra” ancora più merito perché c’è il percorso di un adolescente. Il Jake che vediamo all’inizio non è il Jake che vediamo alla fine.
A differenza dell’insulso Marco del “Circo della Notte”.

Mi rendo conto non sia semplice da fare per uno scrittore rendere perfettamente la crescita di un personaggio e il lento mutare attraverso il tempo.
Ma l’abilità è anche questa.
Altrimenti è un errore.

17 risposte a “Gli Errori degli Scrittori: 8-IL TEMPO”

  1. Hai citato opere fantasy che hanno entusiasmato ed emozionato molti di noi con un bellissimo viaggio nel tempo

    Piace a 1 persona

  2. Integro con una frase di Borges, che diceva che la cosa importante nei romanzi sono i personaggi, non i fatti che accadono. Forse alcuni scrittori questo non lo hanno chiaro.

    Piace a 1 persona

    1. GRAZIE PER AVERLO DETTO

      "Mi piace"

      1. Ringrazia Borges :-).
        (Comunque belli proprio questi post).

        Piace a 1 persona

  3. Il tuo criterio di valutazione è molto acuto e profondo. Hai perfettamente ragione: il tempo che passa si deve sentire attraverso il comportamento dei personaggi, i loro pensieri, parole o azioni, qualunque cosa dia loro carattere e spessore, a seconda dello stile dello scrittore.

    Piace a 1 persona

  4. Bella questa serie sugli errori degli scrittori. Sui pochi testi che conosco, cioè i classici, devo dire che le tue osservazioni sono molto pertinenti.

    Piace a 1 persona

    1. Sì io cerco di porre ad esempio i classici perché sono esempi che tutti possono riconoscere. Comunque grazie mille!

      "Mi piace"

  5. non per niente si parla di arco evolutivo del personaggio U.U

    Piace a 1 persona

  6. Penso che sia soggettivo: secondo me Percy e Annabeth crescono e mi piace che stiamo maturando anche sentimenti romantici tra loro. Comunque è vero: a volte è davvero complicato cogliere lo scorrere del tempo nei libri. Per esempio in un fantasy di uno scrittore italiano esordiente letto due anni fa i protagonisti viaggiano per un anno intero e se non lo avesse specificato lui stesso a un certo punto io non ci avrei mai fatto caso perché non avevo la percezione del tempo che passava. Come la gestione dello spazio, forse anche questo è uno dei miei punti deboli nella scrittura infatti gli indicatori di tempo a volte mi sembrano esagerati 🙈 è anche vero che in un autoconclusivo è ancora più difficile gestire i tempi in modo realistico senza rischiare di allungare troppo la narrazione

    Piace a 1 persona

    1. Quale era il titolo del libro?

      Piace a 1 persona

      1. https://daydreamonabookshelf.wordpress.com/2022/03/01/un-esordio-per-una-case-editrice-indipendente-e-un-giovane-autore-nel-panorama-fantasy-italiano-tales-of-lights-and-shadows-1-lamuleto-di-zac-daleo/ qui parlo del primo e della casa editrice, sto leggendo il secondo e mi sta piacendo molto. È pensata per essere una saga ma non so quanti libri avrà e per adesso comunque è ferma al secondo

        Piace a 1 persona

  7. La crescita di un personaggio, la sua evoluzione, il suo cambiamento, sono cose che amiamo tutti cedere e che ci soddisfano parecchio soprattutto se li sentiamo come veri. Malena senza sonno per me rimane un libro stupendo e una grande sorpresa (di cui ti ringrazio per avermelo fatto scoprire) e gli esempi che hai portato, soprattutto quelli positivi, sono perfetti.

    Piace a 1 persona

    1. Grazie mille! Mi fa un sacco piacere Malena Senza Sonno ti sia piaciuto.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: