Eternal War, un compromesso storico

Eternal War ha catturato la mia attenzione perché per la prima volta ho visto in libreria una saga italiana che non tentava di scimmiottare le saghe americane. Certo con la copertina poteva fare di meglio…

Comunque.

Ambientato nella Firenze del Trecento, Eternal War si muove su due binari paralleli: la battaglia tra esseri viventi e quella tra spiriti familiari che vegliano su di loro in un altro mondo.
E’ senza dubbio originale. Tenta di avvicinare il noioso romanzo storico che io personalmente non sopporto più, a qualcosa di più moderno che non ha una chiara definizione. Il risultato è un romanzo che sicuramente funziona. Ha uno stile scorrevole, dal sapore contemporaneo e per niente ampolloso o noioso. E’ un libro che si adatta a essere letto nelle scuole, ad esempio, al posto del solito Nome della Rosa, perchè concilia accuratezza storica e intrattenimento.
Tuttavia non è privo di difetti. Ho l’impressione che per quanto si sforzi di essere originale, non faccia veramente un salto nel fantastico, ma rimanga in sospeso a mezz’aria. E’ poco organico nel complesso, non riesce a darmi l’idea di un romanzo unitario, essendo bipartito su questi due giganteschi binari del realistico e dello spirituale.

Il suo lato più forte è secondo me l’empatia verso il protagonista, Guido Cavalcanti. L’idea di una famiglia spezzata e della sua perdita è la parte in cui il romanzo funziona di più.
Non so se leggerò i seguiti. L’ho trovato interessante, ma non eccezionale. Può essere un problema per quello che si propone come inizio di una saga. Tuttavia è un buon compromesso tra quello che l’italiano medio riesce a leggere, con un’apertura a fantastico per i più giovani.

10 risposte a “Eternal War, un compromesso storico”

  1. Che cosa mi hai fatto ricordare! Lessi questo libro molti anni fa, quando ancora era solo un ebook. Sono contento che il libro abbia avuto un certo successo e anch’io l’avevo apprezzato e mi colpì molto.

    Piace a 1 persona

    1. Non è sicuramente un libro che se non lo hai letto non hai vissuto, però è sicuramente una buona lettura

      "Mi piace"

  2. […] riscontrato al contempo lo stesso difetto del primo volume di Eternal War https://libriitaliani.wordpress.com/2022/03/23/eternal-war-un-compromesso-storico/, altro libro di genere italiano piacevolmente sorprendente. Il difetto sta che la parte realista si […]

    Piace a 1 persona

  3. Cavalcanti lo collego a Dante e se i giovanili leggono è buon segno

    Piace a 1 persona

    1. Si è un romanzo molto pop ma anche molto intelligente.

      "Mi piace"

  4. “essendo bipartito su questi due giganteschi binari del realistico e dello spirituale.”
    è la stessa sensazione che mi ha dato la copertina: monnezza sotto e interessante sopra; sopra sembra quasi una foto

    Piace a 1 persona

    1. Eh la copertina è bruttina, però non ci sono brutture particolari, tutto il libro è sufficiente.

      Piace a 1 persona

      1. sìsì parlavo della copertina^^
        non farmi anche tu la stessa sfuriata della bookblogger di qualche giorno fa xD

        Piace a 1 persona

        1. ma guarda non è proprio da me sfuriare per una copertina, ciò ho altre priorità.
          Questa cosa però non la sapevo, di che libro si trattava?

          Piace a 1 persona

          1. ne ho parlato in uno dei miei ultimi articoli, avevi pure messo like lol
            ora non mi ricordo ma la cover era bruttina forte

            Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: