Sono Solo Canzonette di Edoardo Bennato

“Sono Solo Canzonette” è un elogio all’immaturità.
Capiamoci. Edoardo Bennato da genio quale è scelse di utilizzare due grandi racconti per bambini, Pinocchio e Peter Pan, per poter parlare di attualità e delle propria condizione. Così nacquero quei due capolavori di “Burattino senza Fili” e “Sono solo Canzonette”

Con “Burattino senza Fili” lui sviscerava il libro per parlare della condizione dell’uomo in Italia di quegli anni. Dell’impiegato che abbandona il burattino senza fili per diventare un burattino da scrivania. Con Peter Pan è decisamente più ottimista e gioioso. Anche se in origine Peter Pan è infinitamente più triste di Pinocchio.
Perché?

Perché da bravo cantautore, Bennato si sente un buffone, e difende la pretesa di immaturità di Peter Pan.
“Nei miei sogni di bambino la chitarra era una spada, e chi non ci credeva era un pirata”. Ma appunto la pretesa che un cantautore dovesse essere politico, dovesse essere un cantore della rivoluzione e quindi dovesse essere preso seriamente, è solo un sogno di bambino. Una pretesa che non può essere soddisfatta.
Perché “Sono solo canzonette”. L’Italia estremamente politicizzata di quegli anni si aspettava altro da Bennato. Ma Bennato fa la dichiarazione di poetica con questa canzone, mettendo in chiaro la condizione del cantante, che si trattasse di Guccini o di Lucio Dalla, persino De André

“Nella mia categoria è tutta gente poco seria , di cui non ci si può fidare”

Gli artisti sono tutti fasulli, e di fatto buffoni che nessuno prende davvero sul serio “Forse è stata una pazzia, ma è l’unica maniera di dire sempre quello che mi va” dice Bennato. Può dire tutto perché nessuno lo prenderà mai sul serio. “Non potrò mai far carriera nel giornale della sera, anche perché finirei in galera”. Perché ciò che viene detto su una canzone, non ha lo stesso peso di un articolo di giornale o di una petizione.
Schernisce il suo lavoro, che non è un vero lavoro a detta sua. E qui il legame di Peter Pan che non cresce, che non viene preso sul serio, ma vola. Ma è libero. Ma è leggero. In perenne contraddizione di sé stesso.

“Io di risposte non è ho, io faccio solo Rock’n Roll”

Tutti si aspettano che lui dia risposte politiche, che prenda posizione. Lo può anche fare, ma alla fine è solo un artista poco serio.

Musicalmente la canzone è accompagnata magistralmente da un arrangiamento favoloso. Quel sassofono all’inizio, che sembra trombe di carnevale, sberleffi, versi quasi, sono penso impressi nella mente di tutti noi. Viene da chiedersi perché non si usino di più il sassofono nelle canzoni odierne, o perlomeno se lo chiede la boomer musicale che è in me.

“Però a quelli in malafede sempre a caccia delle streghe, dico no, non è una cosa seria. E così è se vi pare, ma lasciatemi sfogare, non mettetemi alle strette o vi urlerò: non c’è paura, ma che politica che cultura, sono solo canzonette, non mettetemi alle strette”

Con una citazione umoristica di pirandelliana memoria, Edoardo Bennato finisce di dipingere la sua Monnalisa. Finisce di scrivere il suo manifesto di poetica. Vestito da One-man show, volontariamente coperto di ridicolo, perdonando Peter Pan, per non essere mai cresciuto.

10 risposte a “Sono Solo Canzonette di Edoardo Bennato”

  1. Analisi perfetta. Manca però un antefatto: a Milano un paio d’anni prima c’era stata una quasi aggressione nei suoi confronti, proprio per spingerlo a prendere posizioni politiche più esplicite. Quegli anni in questo senso erano terribili, Battisti tanto per fare un altro esempio fu praticamente costretto a evitare le uscite pubbliche.
    Tornando all’album, secondo me, il vero capolavoro era l’isola che non c’è…seconda stella a dritta!

    Piace a 1 persona

  2. Bellissimo questo album da cui e’ stato tratto un recital teatrale con tutte le canzoni che compongono l’album. Recital che e’ uscito anche in dvd. Per me con l’album successivo “E’ arrivato un bastimento” si chiude l’epoca d’oro di Edo. Negli anni 70 e nei primi anni 80 Bennato era grande tanto da essere soprannominato il Dylan italiano. Dopo questo album Bennato ha preso altre strade musicalmente parlando con testi molto lontani dai precedenti….era/e’ un altro Bennato che non ho piu’ seguito con dovizia come facevo nel passato. Peccato!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: